VOIGTLANDER BESSA 6×9 1937-1942

VOIGTLANDER BESSA 6×9 1937-1942 Questa folding dal nome Bessa è una della grande famiglia che porta questo nome. Ci sono state varie modifiche e versioni. Questa in particolare è tutta Voigtlander mentre ne esiste una identica con otturatore Compur . VOIGTLANDER BESSA 6×9                         Con una piastra apposita si poteva passare dal formato 6X9 al 6X6 o anche 6X4,5. Spettacolare la traghetta punzonata sul retro per la profondità di campo. Un’altra novità di questo modello VOIGTLANDER BESSA consiste in quello “coperchio” in alto, che chiude il mirino a traguardo. Questo coperchio si alza automaticamente quando si apre la macchina e libera il mirino che va da solo in posizione eretta pronto all’ uso. Interessanti anche le combinazione tempo/diaframma che risolvono molte situazioni di luce. In poche parole, un altro importante monumento del mondo delle macchine fotografiche. Pellicole: 120 Formato: 6X6 – 6X6 – 6X4,5 Tempi: B T 1/1 1/2 1/5 1/10 1/25 1/50 1/100 1/150 Aperture: 22 16 11 8 5,6 4,5 Focale: 11 cm Obiettivo Voigtar...

Learn More

Voigtlander Vito B

Voigtlander Vito B 1954 – 1961 Questo piccolo gioiello è capace di una  nitidezza insperata  per una macchina progettata per essere una compatta a buon mercato. La Voigtlander Vito B è una fotocamera  compatta prodotta in Germania dal 1954 al 1961. Equipaggiata con uno Color-Skopar 50/3.5 ha  una lente apprezzata per la sua nitidezza e contrasto. camera VOIGTLANDER VITO B                   Niente telemetro, niente esposimetro, niente “aiuti” esterni. Funziona in modo completamente manuale e “a occhio”. L’otturatore della Voigtlander Vito B è un SVS Prontor accoppiato tempo-diaframma, lo stesso meccanismo usato per il più costoso sistema medio formato Hasselblad. I suo suono è come musica per gli amanti della meccanica di precisione. Si carica col trascinamento della pellicola. Niente pellicola niente trascinamento niente carica otturatore. Questo fa pensare a volte che l’ otturatore non va ma è sbagliato. Obbiettivo :Color-Skopar 50mm f/3.5 Aperture: f/3.5-f/22 Messa a fuoco: 1-20m + inf Otturattore: Prontor-SVS Velocità: 1sec -1/300 +B Syncro flash: si X e  M Peso:...

Learn More

VOIGTLANDER BESSA 1930

Voigtlander Bessa (1930) La Voigtlander Bessa è stata introdotta  nel 1929. E ‘stata la prima macchina che stava in piedi da sola. Questo modello è la prima versione della Bessa con gli angoli smussati. Nel giro di qualche mese è stata presentata una nuova e più longeva versione di questo modello. Ancora oggi nel listino della Voigtlander abbiamo una macchina con il nome Bessa.                   Sotto l’ obbiettivo riporta le tre regolazioni base per la messa a fuoco. Questo esemplare è l’ unico che mi è capitato con le scritte in Italiano. Formato 6X9 Pellicola 120 Tempi  da 1/25 a 1/100  B,  T...

Learn More

VOIGTLANDER BESSA 69 1937-1942

VOIGTLANDER BESSA  69   1937-1942 Questa folding dal nome Bessa  è una della grande famiglia che porta questo nome. Ci sono state varie modifiche e versioni. Questa in particolare è tutta Voigtlander mentre ne esiste una identica con otturatore Compur . Con una piastra apposita si poteva passare dal formato 6X9 al 6X6 o anche 6X4,5.  Spettacolare la traghetta punzonata sul retro per la profondita di campo.                           Un’altra novità di questo modello consiste in quello “coperchio” in alto,  che chiude il mirino a traguardo. Questo coperchio si alza automaticamente quando si apre la macchina e  libera il mirino che va da solo in posizione eretta pronto all’ uso. Interessanti anche le combinazione tempo/diaframma che risolvono molte situazioni di luce.  In poche parole, un altro importante monumento  del mondo delle macchine fotografiche. Pellicole: 120 Formato: 6X6 – 6X6 – 6X4,5 Tempi: B T 1/1 1/2 1/5 1/10 1/25 1/50 1/100 1/150 Aperture: 22 16 11 8 5,6 4,5 Focale: 11 cm Obiettivo Voigtar 4,5...

Learn More

VOIGTLANDER BESSA 1935

VOIGTLANDER BESSA 1935 La Voigtlander, la più antica fabbrica di macchine fotografiche ha avuto in catalogo una macchina chiamata Bessa dal 1930 in poi e fino ad oggi. Uscire vivi da una tale orgia di apparecchi con tutte le varianti è un impresa per pochi. Questa in particolare compare nel 1935 anche se contemporaneamente esistono altre 5 “Bessa” con varie combinazioni di obbiettivi/otturatori e prezzi naturalmente. Voigtlander Bessa                         Il corpo è rimasto lo stesso per 40 anni ma cambiavano le ottiche e gli ottutattori sempre più performanti. Da questo modello e in poi compare quel bottone di scatto estraibile cha ha tanto aiutato a tenere fermo questo tipo ti macchina. Le altre hanno continuato ancora per molto ad avere lo scatto all’ obbiettivo con tutti i problemi di stabilità connessi. Parliamo comunque di un apparecchio e ti un produttore senza pari. Pellicole:120 Formato:6×9 oppure 6×6 con un’ apposita maschera. Aperture:22 16 11 7,7 Tempi: T B 1/25 1/75...

Learn More

VOIGTLANDER VITO CD

VOIGTLANDER VITO CD La Voigtlander mette sul mercato il capostipite di una grandissima famiglia di macchine fotografiche nel 1939. Era la prima Vito. Da allora con sigle varie aggiunte nel tempo e variazioni sul tema ha venduto più di un milione di pezzi nell’ arco di 30 anni.                          La Vito C esce nel 1960 e qualche tempo dopo si aggiunge la lettera D ed ecco la Voigtlander Vito CD. In realtà è identica la padre tranne l’ esposimetro non accoppiato aggiunto. Con il suo obbiettivo Voigtlander e otturatore Pronto era diventata più cara del padre ma anche più sfruttabile. La lente Lathar è tuttora di grande qualità. Grande maneggevolezza, mirino luminoso, con rettangolo ben visibile come in altri modelli. Aperture: da f/2.8 a f/22 Obiettivo 50mm Skopar Otturatore: “Pronto” Tempi: 1/30sec. a 1/250 sec. + B Sincroflash: si...

Learn More